Guida alla scelta dell'attrezzatura da sci alpinismo


Gli sci da Touring o da sci alpinismo si sono evoluti ad una velocità vertiginosa negli ultimi dieci anni, soprattutto con l’inserimento della fibra di carbonio. Proprio per questo i materiali presenti nel mercato al giorno d’oggi permettono di avere sci leggeri ma allo stesso tempo performanti, che si voglia scendere su tratti con neve dura e trasformata oppure in neve fresca e morbida. Vi sono varie tipologie di sci, la vostra scelta di uno di questi varia a seconda di numerosi fattori:

Altezza e peso dello sciatore

In generale, consigliamo ai nostri clienti di dimensionare i loro sci da alpinismo un po' più corti di un normale sci da alpino. Questo aiuta a ridurre il peso complessivo e rende molto più facile muoversi in curva salendo. Tuttavia, non vanno bene nemmeno troppo corti, l'intervallo raccomandato per l’altezza dello sci sarebbe dalle labbra alla cima della testa. Se pesi un po' di più della media per la tua altezza, oppure pensi di utilizzare uno zaino pesante, consigliamo di prenderli leggermente più lunghi del dovuto.

Uso previsto

Uno dei fattori importanti per il dimensionamento di uno sci da alpinismo è l’utilizzo che ne farai. Gli sci da polvere/neve fresca saranno dimensionati in modo diverso rispetto a quelli per discese su manti di deve dura e trasformata.

 1) Gara e fitness

Se stai cercando uno sci da gara puro, il tuo lavoro è diventato più semplice. Quasi tutti gli sci da gara sono disponibili in sole 2 lunghezze, una per uomo e una per donna. Secondo le norme ISMF (Federazione internazionale di sci alpinismo), i corridori maschi devono sciare su assi di almeno 160 cm di lunghezza, mentre gli sci da donna devono essere di almeno 150 cm. Se quindi cercando di essere il più leggero e veloce possibile, allora questa è la strada da percorrere.

Se fai sci alpinismo per fitness, nel senso che corri per divertimento o solo contro i tuoi amici prima del lavoro, non aver paura di andare un po' più a lungo. Puoi comunque utilizzare uno sci corto, leggero e manovrabile, ma è giusto sacrificare un po' più di peso ed efficienza per il bene delle prestazioni in discesa. Non appena si sale a una larghezza centrale dello sci di 70 mm o più, ci saranno molte scelte.

2) Sci Alpinismo

Questo sci è progettato per essere pratico in montagna e su terreni tecnici; gli sci da sci alpinismo devono essere tra quelli più corti della gamma, questo per favorire la risalita in canalini tecnici tra le rocce, e per essere agganciati allo zaino in casi estremi di risalita a piedi.

3) All Mountain

Questa tipologia di sci viene utilizzata per salite generiche, non troppo tecniche e discese altrettanto varie, sia in neve morbida che su manti più duri. Esso si colloca al centro della gamma, è più lungo e largo di quello da sci alpinismo ma non troppo come quello per il freeride.

4) Tour in polvere e freeride

Nelle discese freeride le dimensioni contano. Per l'atterraggio dai salti o per lo sci veloce in polvere, la lunghezza extra ti farà galleggiare in quei giorni di tanta neve fresca. Se sei un amante del freeride, uno sci più lungo riduce al minimo le vibrazioni e massimizza la stabilità alle alte velocità e sbatte meno di uno sci super leggero.

Abilità dello sciatore

È sempre più comune che nuovi sciatori si appassionino allo sci alpinismo. Se sei nuovo, consigliamo sicuramente dimensioni dello sci ridotte, così saranno più giocosi e più facili da girare a velocità più basse.

Anche se si è sulla strada per diventare uno sciatore esperto, la stabilità dei moderni sci da turismo ha permesso agli sciatori di mantenere sci più corti della norma rispetto a 5-10 anni fa. Non è più necessario utilizzare uno sci da 190cm per effettuare un arco. Uno sci più lungo significherà un migliore galleggiamento nella polvere e meno possibilità di essere sopraffatto a velocità più elevate.

Con quale scarpone guiderete gli sci?

Anche per lo scarpone da sci alpinismo ci sono due grandi tipologie, quelli più stretti, con gambaletto basso, fini e leggeri (magari anche in carbonio) che vengono utilizzati da chi fa le gare o comunque vuole avere materiale leggero e tecnico per la salita con le pelli di foca; ci sono poi quelli da freeride, più simili allo scarpone da sci alpino, che viene utilizzato principalmente da chi preferisce godersi una bella discesa in neve fresca. Ovviamente questi ultimi saranno più strutturati, più rigidi e più pesanti. Tra queste due tipologie di scarpone vi sono anche delle vie di mezzo, valutabili in base alla tipologia di tour che si vuole fare.

Bastoncini da sci alpinismo

Per quanto riguarda i bastoncini sono consigliati solitamente quelli telescopici, in modo da poterli regolare in maniera differente tra la salita e la discesa. Tendenzialmente per la salita si utilizzano più bassi. Solitamente vengono utilizzate le rotelle larghe da neve fresca, proprio per non far sprofondare eccessivamente il bastoncino nella neve, ed essere quindi più comodi.

Le pelli di foca

Nelle salite di scialpinismo, si applicano sotto gli sci le cosiddette “pelli di foca”, delle strisce di tela con un lato adesivo e l’altro con un pelo sintetico che consente di scivolare solo in avanti, mentre il “contropelo” arresta la scivolata indietro. Vi sono varie marche e varie tipologie di pelli di foca, tendenzialmente nel negozio dove acquisterete gli sci vi consiglieranno anche il modello di pelli. Questo proprio perché la tipologia varia anche qui in base al vostro livello tecnico ed al modello di sci. 

Pubblicato il 27-11-2019